Archivio News
L'Iran torna ad attrarre gruppi bancari UE
L’allentamento delle restrizioni verso l’Iran in applicazione dell’accordo di Ginevra favorirà non soltanto il rilancio dell’economia iraniana e dei rapporti commerciali con i paesi UE ma anche il ritorno alla piena operatività di gruppi bancari europei che finora hanno mantenuto livelli molto bassi di transazioni con l’Iran, pur guardando al Paese con immutato interesse. E’ il caso del gruppo svedese SEB, il cui Consiglio di Amministrazione è stato in visita a Teheran a metà gennaio proprio per rilanciare la presenza del gruppo sul mercato iraniano. La delegazione guidata da Magnus Schultz ha sottolineato come l’approccio di molte aziende svedesi verso l’Iran sia rivolto non soltanto all’export ma all’apertura di impianti produttivi in loco con la creazione, in molti casi, di linee di prodotto specifiche per il mercato iraniano. Tra gli incontri avuti dai Consiglieri della SEB anche quello con il Presidente della Camera di Commercio dell’Iran, Gholam-Hossein Shafeie, che si è detto certo sulle prospettive rosee che si stanno aprendo per l’Iran per quanto riguarda il commercio con l’estero.