Archivio News
Assemblea generale 2021 CCII: ripensare l’Iran
Giovedì 22 luglio su piattaforma digitale ha avuto luogo l’Assemblea annuale della Camera di Commercio-Iraniana, durante la quale sono state presentate le linee d’azione della CCII per il triennio 2021-23. A presiederla il nuovo Presidente della Camera Giuseppe Zampini, che nel suo intervento d’apertura ha sottolineato come occorra “ripensare l'Iran. E' un importantissimo mercato per le imprese, ma occorre riposizionare il Paese nelle strategie aziendali: l'Iran è l'hub industriale strategico per il Medio Oriente e l'Asia centrale, al centro di una regione che controlla il mercato mondiale dell’energia e nucleo di un'area con oltre 400 milioni di consumatori. Oggi inoltre, in ragione della fortissima svalutazione del rial rispetto alle principali valute di riferimento internazionali, appare uno dei Paesi più competitivi per gli investimenti, con una decisa spinta allo sviluppo delle capacità produttive interne, che possono contare su un costo dell'energia e un costo del lavoro bassissimi se misurati in euro, oltre che su un livello molto alto di preparazione professionale". A seguire l’intervento del Segretario Generale d’Agata, il quale ha illustrato il posizionamento dell’Italia nel mercato iraniano e le relative opportunità per le nostre aziende. Molte gradite le rappresentanze istituzionali presenti, che hanno portato un saluto alle aziende associate, come quella da parte del Direttore Centrale per i Paesi del Mediterraneo e del Medio Oriente del Ministero degli Esteri, Alfredo Conte, il quale ha sottolineato il clima di fiducia e ottimismo sulla ripresa dei rapporti commerciali Italia-Iran. Dello stesso tono David Balloni, Consigliere economico dell’Ambasciata italiana a Tehran, il quale ha ricordato come l’Ambasciata supporti in ogni momento le aziende italiane che intendono operare in Iran. L’Ambasciatore iraniano in Italia, Hamid Bayat, ha inviato un messaggio ai partecipanti, in quanto impegnato in contemporanea a Palermo in visita istituzionale.