Archivio News
Si riapre ad Atene il negoziato sulla cooperazione economica - commerciale tra UE ed Iran
28 aprile 2003 Il Vice Ministro degli esteri iraniano, Ali Ahani, si è recato ad Atene a capo di una delegazione per incontrare i rappresentanti dell’Unione Europea per definire i termini per la firma di un Accordo sulla cooperazione economica e commerciale (TAC – Trade cooperation agreement) tra Iran ed Unione Europea, cooperazione che negli ultimi anni ha visto una forte crescita. In particolare la Grecia si è detta pronta a trasferire il gas naturale dall’Iran ai paesi europei attraverso il proprio territorio. La possibilità che la Grecia rappresenti il centro di distribuzione del gas iraniano all’Europa, attraverso le condotte di Alessandropoli – Brugas, è infatti uno dei temi che sarà discusso nei prossimi giorni ad Atene. L’Ue e l’Iran hanno inoltre firmato un Protocollo d’intesa in tema di energia ed hanno deciso di aprire a Tehran un ufficio di rappresentanza Tehran, che si occuperà della gestione dei rapporti bilaterali in questo settore. L’Iran è l’unico Paese non europeo con cui l’UE si è impegnata in un dialogo multisettoriale. Accanto all’aspetto meramente economico e commerciale, infatti, il negoziato tra Iran ed Unione Europea affronterà anche aspetti di politica internazionale. Durante l’incontro di Atene si discuterà infatti anche della situazione in Medioriente, del Caucaso e degli Stati dell’Asia Centrale. Gli analisti dell’Unione Europea ritengono che le relazioni tra l’Iran e l’Unione europea riposano su solide basi e che il futuro è molto promettente. Si presuppone che l’ Accordo definitivo tra UE ed Iran sarà firmato in occasione della visita ufficiale del Presidente Khatami a Brusselles, prevista per la fine di questo anno.