Archivio News
RAFFORZAMENTO DELLA COOPERAZIONE REGIONALE CHIAVE NECESSARIA PER LO SVILUPPO ECONOMICO
Il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Davoud Danesh-Jafari, ha dichiarato che l’Iran è pronto ad avviare una più stretta cooperazione economica e commerciale con gli Stati della comunità islamica. Sottolineando che il governo iraniano sta mettendo a punto una serie di facilitazioni dirette agli investitori stranieri, Jafari ha aggiunto che l’Iran è pronto anche ad avviare una cooperazione regionale nei settori finanziario, bancario ed assicurativo con i paesi dell’area. Attualmente il volume degli scambi commerciali tra gli oltre 50 membri dell’Organizzazione della conferenza Islamica (OIC) è solo del 15%, una percentuale troppo bassa che, secondo Safari, deve essere incrementata attraverso l’eliminazione delle tariffe doganali e l’attuazione di politiche economiche di lungo termine che permettano l’ulteriore sviluppo dell’economia degli stati islamici. Tale invito è stato raccolto della Camera di Commercio dell’Iran (ICCIM), che sta portando avanti una attività volta a favorire il rafforzamento dei legami commerciali con gli altri paesi islamici anche in funzione del processo di privatizzazione avviato in Iran. In un incontro con gli Ambasciatori dei Paesi islamici a Teheran, il Presidente della ICCIM, Mohammad Nahavandian ha ricordato il progetto, presentato dalla stessa ICCIM nel 1997, relativo alla creazione di un Mercato Comune tra i paesi islamici ed ha rilanciato la proposta di creare una Camera di Commercio e Industria Islamica, di supporto allo scambio di dati e di informazioni sulle opportunità commerciali nei paesi islamici della regione.