Archivio News
TRE COMPLESSI PETROLCHIMICI INAUGURATI NEL SUD DELL’IRAN
Tre grandi complessi petrolchimici a Razi, Laleh e Shahid Tondguyan, situati nella provincia di Mahshahr nel sud dell'Iran, sono entrati in produzione all'inizio del mese di marzo alla presenza del presidente Ahmadinejad. Il complesso di Razi, terzo maggiore complesso produttivo di ammoniaca, nel quale sono stati investiti 142 milioni di euro, avrà una capacità produttiva annuale di 680.000 tonnellate. Il complesso di Laleh, che produrrà polietilene a bassa densità, ha richiesto un investimento di quasi 240 milioni di dollari ed avrà una capacità produttiva annua di 300.000 tonnellate. Il Complesso Petrolchimico di Tondguyan, produrrà acido tereftalico e polietilene tereftalico ed avrà una capacità produttiva di 750.000 tonnellate annue. La NPC (National Petrochemical Company) è una società controllata dal Ministero del Petrolio iraniano ed è responsabile per lo sviluppo del settore petrolchimico in Iran. La NPC ha incrementato la sua produzione da 15 milioni di tonnellate registrate nel 2004 a 23 milioni di tonnellate nel corso del 2007. L’attuale valore della produzione petrolchimica dell’Iran è di 8,5 miliardi di dollari, di cui 5,5 miliardi di dollari sono destinati all’export mentre la restante produzione è diretta a soddisfare la richiesta interna. Asia meridionale, Sud-est asiatico, Medio Oriente, India, Cina ed Europa sono i maggiori mercati esteri di sbocco dei prodotti petrolchimici dell’Iran. In base al Piano di Produzione ventennale, il governo iraniano aumenterà la sua quota di produzione nel settore petrolchimico al 32% nel Medio Oriente ed al 6% a livello mondiale.