Archivio News
IL PIANO D’INVESTIMENTO DEL PSO: IL PORTO DI BANDAR ABBAS
L’Organizzazione per la navigazione e per i porti dell’Iran (PSO) ha programmato il piano di sviluppo per il corrente anno iraniano (iniziato il 20 marzo) che prevede un investimento pari a 567 milioni di dollari. Il Direttore per gli affari finanziari delle PSO, Alì Jahandideh, ha reso noto che il finanziamento avverrà tramite vendita di titoli obbligazionari e strumenti di finanza internazionale. Il budget destinato alla PSO per il corrente anno sarà di 7 trilioni di rials. A seguito di tale investimento si prevede un fatturato di 4,5 trilioni di rials, superiore al fatturato registrato nel precedente anno iraniano pari a 4,25 trilioni di rials. Nell’ambito dello sviluppo delle aree portuali in Iran è da sottolineare l’incremento che il porto di Bandar Abbas ha registrato nel primo trimestre di questo anno, in merito alle esportazioni che hanno riguardato le merci destinate ai mercati degli Emirati Arabi, Pakistan, Italia ed India. I principali prodotti esportati sono stati macchinari, materie plastiche, carbonato di calcio, cemento, frutta secca e giocattoli per un valore complessivo di 327 milioni di dollari. Per le importazioni i principali prodotti sono stati: automobili, tessili, vetro, fiori, provenienti principalmente da Giappone, Australia, Germania, Cina e Thailandia ed Emirati Arabi per un valore complessivo di 194 milioni di dollari. Nell’analisi dei dati sull’attività import-export del porto di Bandar Abbas è da sottolineare inoltre che nel corso del precedente anno iraniano sono state registrate 217.852 tonnellate di merci in transito, per un valore di un miliardo di dollari, dirette verso Russia, Afghanistan, Turchia e Kazakhistan. Si è trattato essenzialmente di automobili, cumino, petrolio ed abbigliamento. Recentemente riconosciuto come area economica speciale, il porto che sorge nello stretto di Hormuz, offre 24 punti d’attracco ed interconnessioni agevolate con la nuova rete stradale iraniana. Le prospettive di sviluppo degli scambi commerciali dell’Iran con il resto del mondo favoriscono l’implementazione di politiche di investimento volte a migliorare le strutture portuali e l’organizzazione logistica del paese.