Archivio News
IRAN, RUSSIA E QATAR : NUOVE SINERGIE NEL SETTORE DEL GAS
Si è svolto a Doha il primo incontro tripartito tra Iran, Russia e Qatar per la creazione di una joint-venture per produrre e vendere gas. Durante l’incontro i rappresentanti dei tre paesi si sono confrontati sullo sviluppo del giacimento di South Pars e sulla possibilità di avviare l’estrazione, la produzione, la lavorazione e l’esportazione di gas naturale. La delegazione russa in Qatar è stata guidata dal Primo Ministro Putin, che ha smentito le voci di un possibile accordo per la formazione di una OPEC del gas. Il Primo Ministro Putin ha poi aggiunto che non vi sono i presupposti per la formazione di un cartello del gas e che i tre paesi stanno cercando di raggiungere un accordo per meglio coordinare le loro attività. Tale azione non è finalizzata a conquistare una posizione predominante sul mercato tale da influenzare i prezzi del gas ma esclusivamente ad assicurare una stabile fornitura di idrocarburi sui mercati mondiali. Attualmente la Russia è esportatrice di gas naturale mentre il Qatar esporta principalmente gas liquido. Il primo incontro tra i tre paesi è stato guidato dal Ministro del petrolio iraniano, Gholam Hossein Nozari, dal Ministro del Petrolio del Quatar al-Attiyah e dal Direttore Generale della Gazprom. I tre paesi sono d’accordo nel coordinare le loro azioni in maniera più stretta ed avviare la formazione di un Gruppo dei paesi esportatori di gas. La Gazprom, la Qatar Liquefied Gas Company e la National Iranian Company mirano ad avviare investimenti comuni finalizzati alla produzione di gas nel giacimento del South Pars ad a lavorarlo anche nel complesso produttivo della provincia di Ras Laffan in Qatar. Ogni compagnia possiederà azioni per il 30% del progetto ed il restante 10% sarà offerto ad un trader che probabilmente sarà la cinese CNPC o la Coreana KOGAS.