Archivio News
COOPERAZIONE TRA I PAESI DEL CASPIO
Realizzazione di un’ampia cooperazione commerciale e di efficienti sistemi di trasporto. È ciò su cui concordano i cinque paesi che si affacciano sul Mar Caspio. La posizione del bacino lungo un importante corridoio internazionale e la mancanza di accesso al mare di alcuni di questi Stati, ricchissimi di idrocarburi e dotati di enormi potenzialità economiche, rende imperativa l’implementazione di questi progetti. Il console iraniano a Kazan, Mohammad Reza Zareye, intervenuto a un Seminario sulle relazioni internazionali a Mosca, ha precisato che l’Iran e la Federazione Russa, in quanto unici Stati rivieraschi ad aver accesso al mare, godranno di uno status privilegiato nell’ambito di questa collaborazione. Le economie della regione appaiono sempre più integrate, con i diversi Stati reciprocamente coinvolti in progetti di investimento. Proprio in questo mese il governo iraniano ha approvato 200 nuovi progetti nella provincia nord-occidentale dell’Azerbaigian, prevedendo uno sgravio fiscale del 10% per le imprese iraniane che investono in territorio azero. Ottime relazioni bilaterali dell’Iran con il Turkmenistan e Kazakistan, con i quali il volume dell’interscambio commerciale è rispettivamente raddoppiato e quadruplicato. L’interscambio è favorito anche da una certa solidarietà etnica: nella società iraniana sono infatti presenti consistenti minoranze azere (24% della popolazione) e turcomanne (2%), che vivono nel nord ovest e nord est del paese.