Archivio News
CRESCE ANCORA IL SETTORE COOPERATIVO
L’Iran è fra i primi paesi al mondo per il contributo del settore delle cooperative alla formazione del reddito nazionale. Secondo il Vice-Ministro delle Cooperative per la Ricerca, la Pianificazione e l’Istruzione, Gholamhossein Hosseininia, la quota del comparto cooperativo nel PIL raggiungerà alla fine del Quinto Piano di Sviluppo (2010-2015) il 25%. Per il miglioramento delle performance del settore, il Vice-Ministro ha sottolineato la necessità di fondare un istituto di credito cooperativo. Hosseininia ha ricordato che l’Assemblea Generale dell’ONU ha proposto di designare il 2010 come “l’anno delle cooperative” e il ruolo chiave giocato nell’attuale congiuntura economica, oltre a quello che esse potrebbero ricoprire nell’eventualità di una crisi alimentare nei prossimi anni, pronosticata anche da esperti USA. Sono presenti al momento in Iran più di 150.000 cooperative che operano in tredici diversi settori con oltre 25 milioni di soci. Nella “Settimana delle Cooperative”, evento promozionale di settore che si è tenuto all’inizio del mese, il Vice-Ministro ha sottolineato il bisogno di diffondere nuovi modelli di consumo e di farsi portatori di una “cultura della cooperazione” anche in vista della realizzazione di fini di giustizia e di equità sociale. A questo proposito, Hosseininia ha annunciato che circa il 30% degli introiti derivanti dal processo di cessione degli enti pubblici in accordo con l’art. 44 della Costituzione, saranno devoluti proprio al settore cooperativo ed anche allocati in progetti di implementazione di infrastrutture economiche nelle regioni più svantaggiate del Paese.