Archivio News
MINERALI IRANIANI, EXPORT VERSO 40 PAESI
L’Iran ha esportato nel 2009 più di 8 miliardi e 135 milioni di dollari di prodotti minerari verso 40 diversi Paesi. Lo ha annunciato il Vice Ministro dell’Industria Mineraria Mohammad Masoud Sami-Nejad, precisando che i prodotti minerari costituiscono la seconda voce più importante sul totale delle esportazioni nazionali (circa il 30%), subito dopo i prodotti industriali, e che nel comparto minerario è impiegato in Iran circa il 25% della forza lavoro. La crescita del settore ha superato anche le previsioni più ottimistiche (più del 15% rispetto a quanto stabilito nel Quarto Piano di Sviluppo concluso nel 2009) ed è stata accompagnata da un flusso sempre maggiore di investimenti, saliti nel quinquennio 2005-2009 da 97 milioni di dollari a 434 milioni di dollari. “Nel panorama della crisi finanziaria mondiale, il settore minerario ha rappresentato l’unico investimento sicuro” - ha spiegato il Vice Ministro Sami-Nejad - “e l’Iran con i suoi 68 diversi tipi di minerali è tra i primi dieci Paesi del mondo per varietà di giacimenti”. Attualmente sono state concesse in Iran 5.673 licenze di estrazione e sono state realizzate oltre 20.000 unità di impianti in prossimità delle 846 miniere aperte nel Paese. Un record anche sotto il profilo dell’esplorazione: si calcola infatti che siano stati aggiunti alle riserve del Paese 1,7 miliardi di tonnellate di minerali.