Archivio News
CORRIDOI FERROVIARI, DUE DIRETTRICI ATTRAVERSO L’IRAN
La rete ferroviaria deve giocare un ruolo più importante nel sistema dei trasporti dell’Iran. Lo ha sostenuto il Vice Presidente Mohammad Reza Rahimi in occasione dell’ultima riunione della Commissione Trasporti del Parlamento iraniano. La rete ferroviaria dovrà essere migliorata nelle due direttrici est-ovest e nord-sud al fine di agevolare il transito e il trasporto di merci all’interno del Paese e tra i Paesi confinanti. “La creazione di un corridoio Nord-Sud tra Iran, Russia e Azerbaigian assume una fondamentale importanza geoeconomica” - ha sottolineato l’Ambasciatore azero in Iran Javanshir Akhundov, quando il progetto sarà realizzato i tre Paesi potranno portare avanti una cooperazione ad ampio raggio”. Secondo le stime dell’Ambasciatore, per la costruzione della linea, che consentirà il passaggio di merci dall’Europa all’India e al Sud Est asiatico, saranno necessari 400 milioni di dollari. Quando la tratta Nord-Sud funzionerà a pieno regime, potrà trasportare merci per 10-15 milioni di tonnellate al giorno. Per quanto riguarda la direttrice Est- Ovest, la Cina ha già firmato un contratto del valore di 2 miliardi di dollari per costruire una linea ferroviaria in Iran come primo step di un grande piano infrastrutturale che prevede il collegamento di Pechino con i Paesi dell’Asia Centrale e del Medio Oriente, per il quale la Banca Asiatica di Sviluppo ha già commissionato uno studio di fattibilità. La tratta Est-Ovest, lunga 360 kilometri unirà Teheran con la città di Khosravi, lungo il confine iracheno, passando per Arak, Hamedan e Kermanshah. Si prevede inoltre che una diramazione della ferrovia arriverà fino in Siria. La linea, come ha osservato Nicklas Swanstrom della John Hopkins University, sarà una versione moderna della “via della seta” e aprirà ai Paesi dell’Asia Centrale privi di sbocco al mare l’accesso al porto iraniano di Chahabar sul Golfo Persico, oltre a costituire per la Cina una via di trasporto terrestre per l’Europa meno costosa rispetto alle rotte tradizionali.