Archivio News
Le esportazioni non oil dell’Iran crescono del 32%
Nel corso dell’ultimo anno l’Iran ha esportato prodotti non oil per un valore complessivo di 2.9 miliardi di dollari. Il dato mostra una crescita del 32% e dell’8% in termini rispettivamente di valore e volume complessivi. I beni non oil prodotti in Iran sono stati principalmente destinati ai mercati di Cina, India, Corea del Sud, Iraq ed Emirati Arabi. L’Iran inoltre ha importato, nello stesso periodo, beni per un valore complessivo di 3.8 miliardi di dollari con una crescita del 19%. Un recente rapporto del Fondo Monetario Internazionale colloca l’Iran al terzo posto tra i Paesi dell’Asia centrale e del Medio Oriente per volume di esportazioni ed importazioni. Nell’ambito delle esportazioni va segnalata la straordinaria crescita registrata dal settore industriale e minerario: 20% su base annua e 286% per il periodo compreso tra il 2005 ed il 2010. Nell’ultimo anno le esportazioni in tale settore hanno superato 20 miliardi di dollari. L’Iran è tra 15 Paesi al mondo più ricchi di minerali e detiene più del 7% delle riserve minerarie globali. Il Paese, oltre ad avere le più grandi riserve al mondo di zinco, detiene il secondo deposito più largo al mondo di rame ed il nono di ferro. Inoltre è situato su un terreno in cui si trovano 68 specie diverse di minerali tra i quali oro, cromo e carbone.